You are currently browsing the monthly archive for luglio 2008.

gianni palcich)

una manciata di poetici frammenti (fotografia: gianni palcich)


Timidamente affiorano i poetici frammenti…
Di che cosa si tratta? Fondamentalmente si tratta di un ludico dono che offriamo agli spettatori che ci onorano della loro partecipazione. Le regole di questo gioco sono semplici: basta pescare dal cesto e raccogliere un poetico frammento. Tale frammento vi restituirà uno o più versi a caso che, combinati tra loro, ricomporranno il quadro completo. Ma potreste anche essere fortunati nella raccolta, trovando proprio il verso che vi appartiene. Si spalanca così un universo di possibilità tutte da esplorare…

Annunci

gianni palcich)

un tramonto con alberto princis (fotografia: gianni palcich)


Quali e quante forme espressive può avere la poesia?
Ieri, in un vorticoso crescendo, forse una prima risposta è stata abbozzata. Qui non ci interrogheremo sul senso della poesia, non è un compito che ci sentiamo di poter svolgere. Ma si deve tuttavia tenere conto di ciò che è accaduto ieri sera. In bilico tra lettura performativa, reading musicale ed ensemble, la quarta sessione ha evidenziato come la poesia si nutra di sfumature espressive che, alla fine, si riversano in un unico grande oceano chiamato ‘emozione’. Un poeta può essere attore o musicista, o anche entrambi, ma un poeta resta essenzialmente un’anima che desidera esprimere se stessa e il suo mondo. Magari anche solo per scoprire che qualcuno, dall’altra parte dell’universo, sta ricevendo.

Così i lucidi versi di Alberto Princis (sapientemente alternati dalla sua sferzante ironia), l’algida lirica di Matteo Danieli (sostenuta dal prodigioso sound del duo Baby Gelido) e lo sciamanico ensemble di Paolo Cicala (un rituale d’amore puro accompagnato da musicisti naturalmente portati alla sperimentazione) appartengono alla stessa matrice. Una matrice che lascia però spazio a differenti varianti espressive, rendendo la poesia uno dei più alti prodotti dell’umano sentire.

gianni palcich)

poetica segnaletica... (fotografia: gianni palcich)

Confermato il programma di domenica 27 luglio: il quarto appuntamento inizierà alle ore 20 con una lettura performativa di Alberto Princis. A seguire un reading di Matteo Danieli con il duo musicale Baby Gelido. A chiusura della serata sarà possibile assistere ad un ensemble del poeta Paolo Cicala con Fabio Sfregola (chitarra), Leo Curri (flauto) e Walter Benussi (sax e percussioni).

una bolla atmosferica

una bolla atmosferica (fotografia: gianni palcich)

In anteprima pubblichiamo lo spot radiofonico, curato da Radio Fragola.

gianni palcich)

un'istantanea del concerto del duo franco / ipavec (fotografia: gianni palcich)

…E quindi uscimmo a riveder le stelle…

Alla fine è stato possibile usufruire dello spazio previsto inizialmente per lo svolgimento delle poetiche serate. Con grande soddisfazione abbiamo assistito (e favorito) all’invasione del celebre prato che si stende di fronte al Posto delle Fragole. Un piccolo passo che sintetizza un grande sforzo collettivo. Ma questa è un’altra storia…

Il giorno dopo rivela il reale peso dell’evento: una serata da incorniciare dal punto di vista delle emozioni. Da una parte l’interessante panoramica sugli scrittori italiani che vivono in Istria, a cura dell’Associazione Culturale ‘Almanacco del Ramo d’Oro’, ben sostenuta dalle letture (liriche) di Giacomo Scotti e Maurizio Tremul. Dall’altra un concerto che ha saputo stupire per virtuosismo e delicatezza. Chi c’era sa benissimo di che cosa stiamo parlando. Agli altri basti immaginare di trovarsi immersi nella fiera natura, una sera d’estate fresca e bizzarra, in un multiforme rituale sinestetico. Rimane difficile però raccontare gli sguardi e i gesti di chi vi ha partecipato. Perché il punto è proprio questo: certe cose si possono raccontare, mentre altre si possono solamente vivere… E scusateci per la banalità del concetto!

Grazie all’insostituibile collaborazione di Radio Fragola, pubblichiamo l’estratto audio della conversazione tra Elvio Guagnini e Loriano Macchiavelli dalla prima giornata di “Oh Poetico Parco…”.

marco spanò)

uno scorcio del porticato (fotografia: marco spanò)

marco spanò)
dal porticato al loggiato (fotografia: marco spanò)

Due preziose istantanee che hanno il compito di restituire l’atmosfera della serata del 13 luglio.

invito concerto
invito concerto

Programma di domenica 20 luglio 2008: “Voci dall’Istria”, incontro con Giacomo Scotti e Maurizio Tremul, a cura dell’Associazione Culturale ‘Almanacco del Ramo d’Oro’.
Accompagnerà, con improvvisazioni, il sassofonista Giuliano Tull.
A seguire (intorno alle 21.30) concerto (recital / tango / jazz / fado) del duo Alessandra Franco / Alexander Ipavec (voce e fisarmonica).

13 luglio 2008...

13 luglio 2008... (fotografia: marco spanò)

Piano A o Piano B? C’è un tiepido dilemma nell’aria…

Un intero pomeriggio trascorso nell’attesa di capire se la serata sarà serena. In caso di beltempo c’è il Piano A (non ancora messo in opera…). Se piove scatta il Piano B. Nel dubbio, verso la fine del pomeriggio, parte la seconda opzione.

Ed è così che ci si ritrova ad allestire l’area porticata della Chiesa del Buon Pastore (come la scorsa domenica) e la loggia antistante, nella piazzetta vicino al Posto delle Fragole. Tutto è in divenire…

Poi inaspettatamente inizia la serata. Oh Poetico Parco…

un elaborato antipasto...

un elaborato antipasto...

Protagonisti